Riparare non buttare

Avete mai sentito parlare del sito IFixit?

IFixit è una comunità di persone che si aiutano a vicenda per riparare cose. Aggiustiamo il mondo, un prodotto alla volta

questa è la traduzione della loro descrizione che campeggia in homepage. Hanno tantissimo materiale pubblicato, sono bravi, sono un punto di riferimento mondiale ed hanno un negozio on-line (non importa, non bisogna demonizzarli perché riescono a capitalizzare).
Sono anche, e soprattutto, i fautori del movimento del “Self-Repair” – mi piace tradurlo come “riparatelo” con la sua doppia valenza – il cui manifesto è pubblicato qui. Baugrafik.it sottoscrive, appoggia e divulga la filosofia del “riparatelo” e più in generale ancora del “fai da te” come dimostra la nostra collaborazione con Villa Pennisi in Musica (coinvolti nel workshop W-Sound), il gruppo Facebook “Voglio imparare a stampare in 3D!” e i nostri workshop sul montaggio di stampanti 3D; ecco, stampa 3D. Quando un oggetto si rompe nelle sue parti plastiche spesso è possibile ripararlo con i collanti (qualcuno ha detto cianoacrilato?) o con nastri adesivi vari. Ma quando il componente è irrimediabilmente rotto o addirittura smarrito? Qui entra in gioco la cultura “fai da te” che si congiunge a quella “riparatelo” con quel filo che si chiama “stampa 3D”.
scaldino-before
 

E’ vecchio, è sporco, ha un pezzo in meno, costa poco: lo ricompro

quante volte l’ho sentito, troppe, e l’argomentazione sembra anche corretta, lo è per certi versi, ma è incompleta: manca il passaggio “lo butto”. Buttare, trasformare un oggetto in rifiuto, renderlo per sempre a carico del futuro, è un’operazione che prendiamo troppo alla leggera. Siamo “scostumati” al riguardo, ci hanno educati tutti male. Ci vuole buona volontà, bisogna crederci, e ci vogliono delle competenze. Non ne abbiamo? Chiamiamo un amico o un amico di un amico, c’è Facebook che avvicina tutti.

Rilievo
 
Possiamo spendere qualche ora in questo modo, ingegnandosi, osservando, smontando, misurando. Di certo non è gratis, non è questo il punto. Forse si rischia anche di spendere di più tra ore lavoro e materiali di riparazione. Nell’epoca in cui viviamo i prezzi di produzione si sono abbattuti al punto che una riparazione costa di più dell’oggetto nuovo. Ma il discorso qui si complica e diventa un po’ (ma veramente giusto di poco) fuori tema. Ma nulla, dico nulla, ci giustifica a questo punto la trasformazione in rifiuto a cuor leggero. Non possiamo più permettercelo, nessuno può più permetterselo.

Disegno
La fabbrica produttrice (che dà lavoro ad ogni modo) vende qualche pezzo in meno, chi mi disegna il pezzo guadagna qualcosa, chi mi stampa il pezzo guadagna qualcosa: il territorio guadagna qualcosa. E’ la decrescita felice.

 

scaldino-002-dicembre 26, 2013scaldino-003-dicembre 26, 2013

Siate portatori di questo nuovo modo di pensare, siate voi stessi questa nuova filosofia, insegnate ai bambini com’è bello smontare le cose, parlate con loro e ditegli che il loro vecchio giocattolo può diventare nuovo se lo si monta a qualcos’altro. Non contare sulla vecchia storia del riciclo, è gonfiata e antieconomica. Talvolta purtroppo anche falsa.

scaldino-004-dicembre 26, 2013 scaldino-005-dicembre 26, 2013

Il “riutilizzo” è il vecchio nuovo futuro: è il vecchio modo di fare le cose, il futuro sistema per evitare il collasso.

scaldino-006-dicembre 26, 2013
E ricordate

Se non lo puoi riparare, non è tuo

.

Davide Ercolano
Baugrafik.it [costruendo]grafica